sabato 25 novembre 2017

PSICOLOGI, "CINESI E CANGURI"

Lo scorso fine settimana abbiamo accompagnato i nostri figli a Mazara del Vallo per partecipare alla gara nazionale di sciabola trofeo Kinder sport.
Da assidui lettori del blog, nutrivamo particolari aspettative da questa gara, e infatti non siamo rimasti delusi!
Mazara, come città ci è piaciuta parecchio e riteniamo meriti una visita estiva meno affrettata, diverse le impressioni della gara.
Cominciamo dal palazzetto, una costruzione da scempio edilizio degli anni ’70 collocata in una landa incolta e isolata; servizi igienici pessimi e acustica infernale.
Tutto sommato, niente di insolito, dato che la maggior parte dei palazzetti dello sport conosciuti grazie alle folli trasferte in giro per l’Italia cui ci ha abituato Mamma Federazione, sono suppergiù così. Però considerato il denaro che la Regione Sicilia spende per lo sport (si diceva 4.000.000 di euro di contributi per la stagione 2017 di cui 400.000,00 al Coni Sicilia e 60.908,00 al Comitato regionale FIS) e la sovrabbondanza di politici che sforna, ci saremmo aspettati di meglio.
Ma evidentemente in Sicilia il denaro lo spendono in opere non immediatamente visibili.
Tornando alla gara, la seconda cosa che ci ha colpito sono stati i numeri, molto bassi. Solo 288 atleti, meno di una gara interregionale g.p.g., un numero di gran lunga inferiore a quello dei partecipanti alla medesima gara solo un anno fa. A Montecatini nel novembre 2016 hanno partecipato 510 atleti mentre a marzo, a San Severo, di solito boicottata per le difficoltà logistiche, 450 atleti (a cui vanno sottratti circa  una ventina di partecipanti ad un torneo promozionale).
Il motivo è evidente, la trasferta (come abbiamo sperimentato personalmente) era molto costosa e le società non hanno fatto partecipare i più piccoli tra i loro atleti, persuasi che mettere una famiglia alla sua prima trasferta davanti ad una spesa ingente quale quella che abbiamo sostenuto noi, avrebbe comportato una disaffezione precoce dall’attività agonistica.
E non ci si venga a dire “così capite che sacrifici affrontiamo noi siciliani”, perché con i bei soldini che il Comitato regionale riceve da Regione e Federazione, sicuramente avrà modo di aiutare le società.
La terza cosa che ci ha colpito è stata l’atmosfera.
Sarà stato per i bassi numeri dei partecipanti, o per altro motivo, Mamma Federazione a Mazara ci è sembrata piuttosto Matrigna.
Per la Federazione erano presenti il presidente e il consigliere federale Vezzali. Mentre la Vezzali elargiva sorrisi, strette di mano e ringraziamenti ai genitori raccogliendo consensi a destra e manca, il presidente saettava occhiate truci agli arbitri, impartendo comandi silenziosi affinché intervenissero qua e là a fare osservare il regolamento.
Apparentemente, infatti, la direzione di torneo sotto lo sguardo vigile e torvo del presidente, con il sostegno “a distanza” del segretario generale, ha applicato il regolamento, non alla lettera, ma addirittura “oltre”.
Tre episodi tra tutti: nella giornata di sabato durante il minuto di intervallo di un assalto per i quarti di finale un maestro ha porto un auricolare al suo atleta. Naturalmente non sapremo mai quale fosse il fine del Maestro, se far ascoltare una musichetta rilassante al proprio atleta o farlo parlare con la mamma, fatto sta che la direzione di torneo ha deciso di intervenire per impedire che ciò accadesse e, addirittura, il giorno dopo, ha letto un avviso secondo cui non era consentito l’uso di auricolari nell’intervallo degli assalti.
Tra noi genitori abbiamo fatto un consulto veloce, dato che è di moda tra i ragazzini ascoltare musica con le cuffiette per darsi la carica. Qualcuno ha tirato fuori i regolamenti, ma non siamo riusciti a trovare la regola che stabilisce il divieto di usare l’auricolare nel minuto di riposo durante un assalto.
Forse sarebbe giusto che, specialmente nelle gare di g.p.g., Mamma Federazione comunicasse prima regole e sottoregole che “in quell’occasione” riterrà di applicare.
E diciamo “in quell’occasione” perché a noi, che seguiamo i nostri figli da anni, questa regola è sembrata inventata al momento, e anche inutilmente vessatoria, così come quando agli ebrei si proibivano cioccolata e patate: una cosa a caso giusto per dare fastidio e ricordare chi comanda veramente. Una stupidissima  e ridicola dimostrazione di potere allo stato puro.
Il secondo episodio è occorso di domenica. Non lo avremmo potuto apprezzare veramente se non fossimo assidui lettori del blog e quindi non ne conoscessimo l’antefatto che era stato raccontato nell’articolo “Integrazioni e provvedimenti disciplinari”.
A quanto sembra la Corte d’appello federale avrebbe sospeso la squalifica che il giudice sportivo aveva inflitto al tecnico menzionato in quell’articolo, al solo fine di consentirgli di assistere in gara quell’unico atleta per difendere il quale si è beccato la sanzione.
Sembra che la direzione di torneo abbia consentito al tecnico di seguire quell’atleta impedendo, tuttavia, al suo psicologo di accedere al parterre.
Tale divieto, sarebbe stato impartito direttamente dal segretario generale, al quale si era rivolta la direzione di torneo a seguito delle proteste sollevate nell’interesse dell’atleta autistico. Secondo quanto riferito da alcuni genitori il segretario avrebbe liquidato la questione con una affermazione gnomica: se il ragazzo autistico era stato iscritto alla gara voleva dire che non aveva bisogno dello psicologo,  perché se avesse avuto bisogno dello psicologo non avrebbe potuto partecipare alle gara.
Abbiamo discusso a lungo con quei genitori ed anche in questo caso ci è sembrato che la regola applicata sia stata  “no cioccolato e patate” dato che ciò che è stato proibito allo psicologo è stato invece consentito a mamme e ragazzini.  Bambinetti muniti di pass e mammine ansiose (ma prive di pass) hanno passeggiato nel parterre sotto gli occhi ardenti del presidente. Anche ieri, qui a Ravenna, una gran folla camminava nel parterre senza che nessuno dicesse niente e non hanno neppure distribuito pass, sarà che  per regolamento l’accesso al parterre è vietato soltanto agli psicologi (il cui cognome non inizi per M)   e a “cinesi e canguri”.
Terzo episodio. In entrambe le giornate di gara l’accompagnatore non tesserato di cui si parla sempre nell’articolo “Integrazioni e provvedimenti disciplinari” ha accompagnato gli atleti della sua società. Evidentemente, il giorno dopo il fattaccio si è tesserato per Mamma Federazione, almeno così vogliamo sperare. (E la paziente Mammina glielo ha consentito)
In ogni caso, la sua presenza lì ha suonato come una beffa alle regole di Mamma Federazione, che fa figli e figliastri, e ha sollevato il velo sulla ridicola pantomima che stava andando in scena.
Ma ha suonato ben più di uno schiaffo in pieno viso alla mamma di quell’atleta, che dopo quell’infausta gara del 21 ottobre, si è chiuso in sé stesso e non ha rivolto la parola ai suoi familiari per una settimana, e i cui progressi di un anno sono stati cancellati in un momento.
Non dimenticheremo facilmente questa gara, anche perché tra le foto pubblicate da Mamma Federazione in quel giorno ce n’è una che ritrae gli occhi di una madre, forse proprio la madre di quel ragazzino, occhi che non ci fanno dormire la notte, occhi che chiedono Giustizia, occhi che la otterranno.
Italia, 25 novembre  2017
GENITORI STUPITI

L'articolo è stato preceduto da una telefonata di un signore a me sconosciuto, che parlava in rappresentanza di un folto gruppo di genitori, manifestandomi incredulità e rincrescimento per quanto accaduto a Mazara. Non conosco il signore, non ero presente sul luogo di gara ma non oso mettere in dubbio quanto riferitomi: che ragione avrebbe avuto nel mentirmi? 
Ezio RINALDI



95 commenti:

  1. Ma è vero che hanno incassato tutto quel bel denaro? Qualcuno può confermare?sessantamila non sono bruscolini e nella mia regione ce li sognamo. Son contento per loro anche se quei soldi in parte sono anche nostri perche, senza polemica, è il nord con le sue tasse che mantiene voi al sud.

    RispondiElimina
  2. li belli picciulli...... si dice in gergo siculo

    RispondiElimina
  3. Certi genitori si stupiscono per poco io invece per tutti quei soldi. Anche nella mia Regione i contributi li vediamo con il binocolo e nella pentola mettiamo a bollire cinesi e canguri. Fortunate le società sicule ma adesso che avete i soldi le gare verrete a farle dalle nostre parti. D'accordo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace davvero, ma il suo mi sembra un discorso da pezzente!
      Si firmi e mi indichi il suo IBAN così le faccio un bonifico.

      Elimina
  4. Infatti, non credo proprio che abbia mentito, anzi, piuttosto credo che ci sia ben altro. Indagherò e vi farò sapere.
    A presto

    RispondiElimina
  5. Articolo di denuncia molto forte, come direbbero alcuni politici "la butta giù dura". Da anni su questo blog denuncio che l'organizzazione delle gare in Italia fatte con un criterio che è stato introddoto negli anni '30 da Nedo Nadi, non è più sostenibile, e non solo perchè gli atleti della Sicilia (o meglio sarebbe dire le loro famiglie), devono ogni anno sobbarcarsi spese non indifferenti per partecipare, ma perchè l'Italia non è semplicemente divisa in Nord, Centro e Sud, ma è profonda sia per la sua lunghezza che per la sua larghezza. Quando mi dicono che io ho una gara vicina solo perchè è al Nord, beh... mi sale la bile!! La mia società è di Torino, che è un comune all'estremo Nord-Ovest del paese ( da casa mia alla Francia ci sono 70km). La mia seconda "fortuna" è quella di fare praticare il fioretto, questo ogni anno ci obbliga a centinaia di kilometri per ogni gara, fosse anche un semplice GPG Interregionale. Si, perchè in Piemonte fioretto e sciabola le abituiamo a viaggiare già da piccoli.
    La prima prova nazionale GPG, che molto carinamente la FIS ha voluto piazzare nel ponte dell'Immacolata, giusto per trovare alberghi a buon prezzo (sia mai che si spenda troppo poco solo per il viaggio), l'avremo a Treviso, circa 450km da Torino. Nessuna possibilità di voli low-cost o treni a basso costo, solo Freccia!! Quindi macchina e 900km tra andare e tornare: Carburante e autostrada saranno circa 200/259euro solo di viaggio. Poi cena, pernotto e pranzo, a cui aggiungere anche i 20euro di iscrizione. Non male vero, cari amici siciliani? La seconda prova è ancora più lontana, e ovviamente irraggiungibile con mezzi economici: Assisi!! Qui per A/R sfondiamo serenamente i mille. La scelta del periodo è ancora fantastica: domenica delle Palme, ad Assisi (ripeto). In treno manco a pensarci, in aereo tocca andare a Roma e via di macchina per "solo" 300km. Come sempre resta la macchina e almeno 300/350euro di spesa. Abbiamo anche la prova nazionale a squadre, indovinate un po'!?! ROMA!! Qui sono 1400km A/R, strano che non abbiano scelto il ponte di carnevale, ma la settimana prima, sicuramente un refuso.
    Certo, abbiamo i cadetti, che per il fioretto sono: Foggia e Terni. Inutile andare avanti, le prove assolute sono Ancona e Zevio (qualificazione).
    Mi inquieta parecchio la frase “così capite che sacrifici affrontiamo noi siciliani”...spero che chi l'ha pronunciata non decida mai di fare provare ai figli "quello che provano i bambini africani che muoiono di fame", perchè il ragionamento è quello.

    n.b. La prima prova Interregionale di fioretto per il piemonte è stata nella assolutamente non lussuosa località di Villa Guardia, sul ribassatissimo Lago di Come (quello della famosa villa milionaria di quello sconosciuto di Clooney): 162km sola andata. La terza della altrettanto economicissima Rapallo: 400km A/R. In mezzo una gara ad Asti.....almeno una!!

    RispondiElimina
  6. A leggere certi commenti si comprendono i veri valori verso cui sono orientate le vostre antenne

    RispondiElimina
  7. Replay :....e con questi commenti abbiamo toccato il fondo.

    RispondiElimina
  8. Rinaldi non dia seguito a pseudo genitori fanfaroni, Si colleghi con il sito della Scherma Sicilia e vedrà che il contributo è solo di 13.067.000 euri.
    Ma per favore risparmiateci queste bufale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sa che lei è dotato di un grande cervello (in fuga)?

      aaahhahhahhahhahahhahhahhahhahahhahah –BRAIN FLEEING – (le cerveau réduit en bouillie)

      Elimina
    2. Il contributo di 13.067.000 euro è quello dell'anno scorso. IGNORANTE!

      Elimina
    3. Egregio Anonimo sicuramente facente partecipazione del C.R.Sicilia, il contributo che lei riferisce è quello relativo al 2015 distribuito nel 2016, quello cui ci si riferisce nell'articolo dei genitori è invece stato di oltre 60.000 euro, non euri, quindi le bufale le nutre lei ed i suoi compagni di avventura. Questo bieco tentativo di disinformazione non vi fa onore, chiarite anche i criteri di distribuzione giacché ci siamo, a chi e quanto, ma soprattutto per cosa? Quali spese vengono risarcite,se di spese si tratta, o è piuttosto un contributo per l'appoggio alla politica federale?

      Elimina
    4. Fanfarone ci sarà lei, stia bene attento!!!Ci metta la faccia, imbroglione!!

      Elimina
    5. €13.067,00: non create inutili illusioni! Ma comunque si tratta di quello dell'anno scorso.

      Elimina
  9. 13.067.000 € O 13.067,000? Da verifiche effettuate, al di la dei contributi, la sostanza di quanto scritto non cambia molto, anche se le risorse finanziarie messe a disposizione dalla Regione Sicilia non sarebbero e ribadisco "non sarebbero" gestite con chiarezza. Perché non ci dite qualcosa in merito?

    RispondiElimina
  10. Anonimo del 26 novembre 2017 ore 09:39 lei ha qualche problema. Non lo sottovaluti!

    RispondiElimina
  11. Caro Presidente, prendo spunto da questo post o, per meglio dire, dal tenore dei commenti per rivolgerti questa mia esortazione.
    Tu sai di essere la Scherma, ma ricordati che lo sei e lo sei stato nel bene e nel male.
    Lo sei nelle memorie che riaffiorano dal passato, quando ti ponevi un centimetro avanti agli altri nel promettere che la FIS sarebbe diventata grandissima; e lo sei come immagine di un regno che in quel tempo intendeva cambiare il suo corpo e i suoi orizzonti.
    A prescindere dalle alchimie statutarie compiute nelle ultime elezioni, è innegabile che il tuo volto ci ha per lungo tempo rappresentati.
    C'eri, e vorresti continuare ad esserci, per un arco temporale che rimescola passato, presente e futuro, divertendoti a confondere la prospettiva in nome della SACRA CONTINUITA’.
    Ma il punto è proprio questo: sei e sarai ancora degno della fedeltà ricevuta in passato?
    Le proteste incalzano sempre più e i dubbi affiorano oramai negli animi di molti fra coloro che ti hanno sostenuto come in quelli di chi non ti ha mai sopportato, manifestandoti inesausta ferocia.
    Un interrogativo che nasce oggi dal tuo progressivo svanire come leader di un movimento quasi allo sbaraglio. Ciò che invece sembra permanere è la persistente tentazione di protagonismo e la seduzione della prima pagina che qualcuno al tuo fianco sta inevitabilmente cercando di sottrarti.
    La disfatta dell’immagine della FIS, avvenuta in questi ultimi due anni, è nota e non vale la pena ripercorrerla.
    Il tuo perdurante silenzio, la tua incapacità di contrastare quanto viene scritto sul blog di Rinaldi, è la cronaca della tua assenza nel disfacimento di un movimento che sempre più appare privo di nocchiero, caotico e invivibile.
    Caro Giorgio tu non ci sei. Ma più che invisibile, risulti imbrigliato in un groviglio di problemi che tardi a risolvere e che ti fanno apparire sempre più come disperso nel tuo stesso regno e distratto, nelle contrade della tua ambizione, da una incessante ricerca di riconoscimenti superiori.
    Ed ecco il nodo di tutto. Che farai, chi sarai da qui in poi, mentre la tua Federazione sembra acquistare sempre più le sembianze di una agenzia di viaggi?
    Sarai il re corrucciato che aspetta un'occasione migliore, tessendo trame, immaginando vendette o tornerai ad essere il Presidente Federale di una volta ma che da troppo tempo non sei più, occupandoti di cose semplici, dei veri problemi degli affiliati,dei tesserati, dei maestri, degli atleti? Ricordati, caro Giorgio, che non è sufficiente che il gallo dia la sveglia all'alba per placare la fame di normalità!

    PREFETTO DEL IV PILASTRO


    RispondiElimina
  12. Scusate, mi sono collegato al sito del Comitato Sicilia e non vi è traccia della distribuzione di contributi nell'anno in corso. Ma allora di che state parlando? Qualcuno può chiarire se e chi ha erogato alle società siciliane un contributo di 60.000 euro che non ha pari nelle altre regioni? La questione mi sembra parecchio interessante.

    RispondiElimina
  13. Ennesima rogna per Scarso e per i suoi amici siciliani?

    RispondiElimina
  14. A Ravenna, in questo momento, si sta registrando un diffuso bofonchiamento su questa vicenda tutta siciliana. E credo, ma spero di sbagliarmi, che la questione stia prendendo una brutta piega. Se apprendo altre notizie vi faccio sapere.

    RispondiElimina
  15. Se fossi al posto del presidente del CR Sicilia chiarirei tutto e immediatamente,smascherando gli haters di turno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hater's? Magari!! Presidente Manzoni,se ci sei batti un colpo! Magari prima vada a rapporto....
      Almeno così fornite la medesima versione....

      Elimina
    2. Condivido il tuo pensiero, ma prima di chiarire dovrebbero pubblicare le "carte" non credi?

      Elimina
    3. "Almeno così fornite la medesima versione...." what does it means?

      Elimina
  16. Che io sappia sono anche più di 60.000...... E comunque è un contributo regionale che non ha eguali essendo la Sicilia a statuto speciale...

    RispondiElimina
  17. Che delusione, l'articolo affronta interessanti questioni che riguardano l'organizzazione e la gestione delle gare e voi vi intrattenete invece su miserabili e odiosi aspetti venali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai sicuramente ragione ma dalle nostre parti il piatto piange!

      Elimina
  18. La vostra è solo invidia. Guardatevi attorno piuttosto! Un altro siciliano è stato appena nominato membro d'onore FIE.
    La Classe non è acqua, cari nordici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, un altro siciliano. Nulla contro, ma sembra che il resto d'Italia sia monnezza. Comunque mi complimento con il prof.Emanuele per la sua nomina, però sembra che prima di lui ci fosse qualcun altro in attesa: probabilmente non ha gli stessi fondi a disposizione.

      Elimina
    2. Fondi o Fondazione???

      Elimina
    3. Appunto si tratta di un siciliano d.o.c., addirittura di un palermitano. Ma questa circostanza evidentemente non conta nulla nel mondo della scherma considerato che la bussola della fis in sicilia stranamente punta l'ago sempre e solo verso l'Oriente. Mondiali sopra, mondiali sotto, gare a destra, gare a sinistra, ma sempre di là dove sorge il Sole.
      PONTIFEX MAXIMUS

      Elimina
    4. Fondi o fondazione trattasi di disponibilità finanziarie. Oltre questo e tolte le notevoli eccellenze professionali, quali sono i meriti a livello nazionale ed internazionale.

      Elimina
  19. Qui a Ravenna telefoni in ebollizione.

    RispondiElimina
  20. Ci risiamo. Gran casino in salsa siciliana.

    RispondiElimina
  21. Mi riferiscono che qualcuno sta facendo i salti del canguro.
    E già da domani truppe cammellate in movimento. Qui a Ravenna si è parlato di un'autocombustione interna al comitato sicilia.Vi farò sapere di più appena possibile.

    RispondiElimina
  22. Mi auguro solo che non si tratti di un altro giallo stile saga "Pizzinos"

    RispondiElimina
  23. Vi giuro che la Fis mi fa impazzire. Tutti a dargli addosso e pur si tace. Giuro che non lo comprenderò mai.

    RispondiElimina
  24. Gioacchino Maurizio Seminara26 novembre 2017 19:01

    Stante l'incomprensibile silenzio dei vertici federali e la non partecipazione dei rappresentanti regionali a quanto pubblicato sul blog, con la certezza personale della conoscenza di quanto si sta dibattendo da parte dei suoi componenti, visto il mio "protagonismo" dell'ultimo anno, partecipazione personale solo mirata alla ricerca della chiarezza ed alla trasparenza delle attività federali tutte, ritengo che almeno a me corra l'obbligo di intervenire nella discussione che si è aperta e riguardante la vicenda dei "contributi siciliani". Per quanto a mia conoscenza, la Regione Sicilia ogni anno eroga in forza della propria autonomia contributi alle associazioni sportive, dilettantistiche e non , partecipanti ai campionati nazionali delle proprie discipline. Fino all'anno 2014 questi venivano erogati dietro richiesta delle singole associazioni, a fronte della trasmissione di una serie di giustificativi di spesa. Da qualche anno invece sono i comitati regionali che si fanno carico della richiesta ed essi ricevono le somme che poi, secondo criteri stabiliti dalle varie federazioni, vengono "distribuiti" alle società isolane. Alcuni comitati dividono le somme in maniera paritaria, altri secondo proprie regole, altri ,come il C.R.Sicilia della FIS, sulla base,credo di ricordare, della classifica del Gran Premio Italia per società della stagione agonistica precedente. Per quest'anno mi pare che siano stati erogati per l'appunto circa 70.000 euro, e di questi il comitato regionale trattiene il 20% per le proprie esigenze, distribuendo il rimanente 80 % fra le società isolane che abbiano partecipato a vario titolo ad un certo numero di gare nazionali . Anche la associazione che presiedo ha ricevuto somme dal C.R.Sicilia, ed anch'io resto in attesa di conoscere l'elenco delle società beneficiate, così come del criterio adottato per la divisione, poiché credo che lo stesso sia purtroppo non costante, ma questo sarà oggetto di altre mie attività, visto che la discrezionaltà fin oggi adottata non soddisfa me e molti altri.
    In ogni caso sarà mia premura tenervi aggiornati relativamente agli eventuali chiarimenti ottenuti.
    A presto

    RispondiElimina
  25. Ribadisco che l'articolo pubblicato da Rinaldi parla di altro. Restate sull'argomento per favore.
    Lasciate che il problema se lo risolvano fra di loro.

    RispondiElimina
  26. Hai perfettamente ragione, però nell'articolo si tocca altresì l'argomento contributi, evidentemente molto sentito. Invito i commentatori ad esporre i propri pensieri anche sulle altre tematiche trattate nel pezzo.

    RispondiElimina
  27. Che peccato!
    Un gran bell'articolo, pieno di informazioni, notizie interessanti e spunti di riflessione, tali da aprire una seria discussione sui veri e tanti problemi che affliggono la scherma, ancor oggi tutti pressoché irrisolti, rovinato da una sterile, inutile, inconducente polemica sui finanziamenti che la Regione Sicilia eroga a tutte (e non solo la Scherma) le discipline sportive.
    Per favore, cerchiamo di attenerci al tema.

    Cordialmente
    Gaspare Fardella

    RispondiElimina
  28. Bene, vogliamo allora parlare delle affermazioni gnomiche del segretario generale? Quale competenza egli vanta in materiaria di autismo?
    Chi si cimenta adesso nella risposta considerato che anche su questo argomento la Fis rimarrà, come sempre, in religioso silenzio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso la parola passa all'avvocato Fardella.

      Elimina
    2. Ma non mi dica: tutti ad aspettare che io mi esprima.
      Che onore!
      Gaspare Fardella

      Elimina
  29. 13.067,000 - 13.067,00 - 60.000,00 - 60.908,00 - 70.000

    Ma che è l'estrazione del lotto sulla ruota siciliana?

    RispondiElimina
  30. Il contributo della Regione Sicilia dice molto su quanto e cosa faccia Scarso per i suoi Amici, alla pari della palestra Comunale a Napoli, data a Cuomo. Mi chiedo anche come si possano convocare arbitri siciliani ovunque e averne uno in Commissione, l'Italia si è invertita. Sicilia caput mundi della scherma, per meriti o per politica dittatoriale? Altro che Regno delle 2 Sicilie.
    La domanda è, leggo: "Per la Federazione erano presenti il presidente e il consigliere federale Vezzali. Mentre la Vezzali elargiva sorrisi, strette di mano e ringraziamenti ai genitori raccogliendo consensi a destra e manca, il presidente saettava occhiate truci agli arbitri, impartendo comandi silenziosi affinché intervenissero qua e là a fare osservare il regolamento.
    Ma Scarso che da inizio stagione non si vede alle Gare di tutta Italia più o meno importanti, al Gpg di Mazzara è presente sempre. Cosa si fa per la carriera 'politica'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai dimenticato un Zeta sulla parola “MaZZara”...si scrive con tre Zeta :-))))))

      Elimina
  31. Sugli stanziamenti dell'Assessorato allo Sport della Regione Sicilia per il potenziamento delle attività sportive, non date a Scarso i meriti,o demeriti, che forse non ha.

    RispondiElimina
  32. Qui a Ravenna si è parlato della crisi di molti club.
    Nonostante gli annunci di trionfo dei vertici federali vi posso assicurare che noi siamo in sofferenza.
    Scusa cosa me ne frega degli accordi internazionali firmati dal Presidente Scarso quando ho i miei ragazzi che non hanno più soldi e smettono di fare scherma per l’incapacità dei vertici federali!
    Caro Presidente Scarso lo vedete che voi avete trasformato la scherma in uno sport per ricchi?
    Vicepresidenti Azzi e Pastore cosa fate per aiutare le famiglie?
    Ancarani Buratti Campofreda Debartolomeo Lauria Randazzo Vezzali che ci state a fare?
    E venite pure alle gare, ma lo capite il movimento?
    Non vi inquieta parecchio vedere l’abbandono dei nostri ragazzi al loro terzo anno di categoria giovani?
    Le famiglie si sono stancate di buttare denaro e siccome non hanno più soldi i figli smettono.
    I nostri ragazzi del 1998 sono l’ultimo anno di categoria giovani.
    Nel fioretto maschile sono rimasti in 30 su 300 del ranking e nelle donne meno di 20 su 250.
    Nella spada maschile siamo a 73 su 458 e nelle donne 56 su 382.
    Nella sciabola maschile siamo a 17 su 181 e nelle donne 10 su 140.
    Vertici federali TOC TOC...ci siete?
    Poi, ripensandoci, c'era un precedente che spiegava tutto.
    Il Presidente e i Vicepresidenti sono stati militari: faccio scherma perché lo Stato paga.
    E il Consigliere Randazzo? E l’Onorevole Vezzali? Poliziotti in tuta.
    Allora tutto a posto, ora tutto si spiega. Cosa ne sanno delle nostre difficoltà!
    I vertici federali non ci sentono più, non ci ascoltano più.
    Qui a Ravenna ho quasi litigato dopo che mi hanno detto ancora una volta della loro vittoria stracciante alle ultime elezioni di Novembre. L’appello alla maggioranza bulgara è un ingranaggio mirabilmente oliato e funzionante; al punto che se qualcuno richiama l’attenzione sul casino delle gare in Sicilia o sulla deriva autoritaria della F.I.S. si sente ribadire il concetto senza possibilità di appello: ci avete comunque votato. Che cosa significa? Che siamo tutti scemi?
    In effetti è vero: vi abbiamo votato. Io vi ho votato, ma non avevo scelta: l’altro candidato non l’avevo mai visto in vita mia.
    Vi ho votato però ora basta. E ho capito che sono diventate centrali altre questioni: attraverso quali informazioni noi decidiamo a chi dare il nostro voto e, data l’informazione di regime e i soldi per la campagna elettorale fatta da Presidente e Consiglieri in carica mentre gli altri, se vogliono competere, devono pagare di tasca propria, quali siano le capacità di sviluppare un’opinione nostra per il voto.
    Purtroppo, senza questa Piazza Scherma, che non mi piace del tutto ma almeno scrive di tutto, noi rischiamo di essere una massa ignorante che non è nemmeno figlia unica, ma con un fratello scemo; ed entrambi, com’è nostro diritto, votiamo.
    A questo punto si tratta di capire come orientare il nostro voto alle prossime elezioni.
    Io di questi non ne posso più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è mai chiesto perchè ormai da anni non convocano più l'Assemblea per modificare lo statuto ma lo fanno modificare prima dal Commissario e poi da non si sa chi? il motivo è facile, magari lei viene all'assemblea e lì incontra quello che in futuro si vorrà candidare, lo ascolta, ne apprezza le idee, discute con lui e magari riuscite insieme a migliorare la Federazione. Si chiama democrazia e non interessa quasi a nessuno. Più interessante è fare accordi con le federazioni dei paesi tra i più antidemocratici del mondo, non si sa mai ci può scappare qualche ideuzza in più.
      E il denaro va speso in trasferte e premi per le solite società che più vincono più investono e più vincono.
      Buon per loro. Ma una federazione che vuole fare crescere un intero movimento alle società migliori deve dare i premi e riservare i contributi per quelle società che hanno pochi mezzi.
      Le prossime elezioni, mai così vicine, spero possano trarre vantaggio dalla sua nuova consapevolezza.

      Elimina
    2. Anonimo 27 novembre 2017 16:01 domanda: "Ancarani Buratti Campofreda Debartolomeo Lauria Randazzo Vezzali che ci state a fare?"
      Gli stessi rispondono: "Cosa? Dove? Perché che è successo?"
      Praticamente, non c'è risposta.... non lo sanno nemmeno loro che ci stanno a fare.... tranne una, che sta preparando la scalata alla Presidenza.
      Ma, anche lei, se tanto mi da tanto..... mamma mia!!!!!

      Elimina
    3. Debartolomeo o De Bartolomeo? Refusus?

      Elimina
    4. Anonimo 27 novembre 2017 16:01 domanda: "Ancarani Buratti Campofreda Debartolomeo Lauria Randazzo Vezzali che ci state a fare?"
      Che domande, attendono che Scarso dica loro cosa fare e chieda di votare si alle sue scelte. Almeno, tranne l'ELETTO dai Maestri, hanno il coraggio di non farsi vedere più. Coraggio o non hanno loro allievi da seguire, ma sicuramente non a spese della FIS.

      Elimina
    5. "alla maggioranza bulgara è un ingranaggio mirabilmente oliato e funzionante; al punto che se qualcuno richiama l’attenzione sul casino delle gare in Sicilia o sulla deriva autoritaria della F.I.S. si sente ribadire il concetto senza possibilità di appello: ci avete comunque votato. Che cosa significa? Che siamo tutti scemi?"

      .....comunque l'ha detto lei, si ricpordi.

      Elimina
  33. Saremmo curiosi di conoscere quante piotte sono state assegnate alla sala dei Bucca Brothers. Magari ce lo può riferire la moglie di uno dei due che ci pare sia addirittura vicepresidente del comitato regionale siculo. In virtù di tale importante ruolo potrebbe infatti spiegarci quali criteri di ripartizione sono stati adottati dal consesso di cui fa parte e perchè tali criteri tardano ad essere pubblicati sul sito del comitato sicilia.
    Se condividete questa nostra iniziativa mettete un "like"
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in sicilia non diciamo "like" ma "ca ni liccamo a sarda"

      Elimina
    2. Ma come fate a dire che vi leccate la sarda con i bei contributi che vi danno?

      Elimina
    3. il ritardo della pubblicazione te lo spiego io: gli si è rotta la calcolatrice!

      Elimina
    4. ..... e devono ancora bandire la gara d'appalto per comprarne una nuova.

      In Siculi Saeculorum

      Elimina
    5. doppio like e tutti a casa

      Elimina
    6. il mio like lo posterò solo dopo che li avrete cacciati tutti via

      Elimina
  34. Sono trascorse 48 ore dalla pubblicazione dell'articolo e la Fis come sempre, continua a trincerarsi dietro un rigoroso riserbo. Ma che avrà mai da nascondere? Perchè il Presidente non viene allo scoperto e ci spiega cosa succede in sicilia con sti benedetti contributi piuttosto che occuparsi di impartire o comunque condividere direttive di gara per inibire l'uso di innocue cuffiette audio?
    A saperlo........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....la Fis come sempre, continua a trincerarsi dietro un "rigoroso riserbo".

      MUTISMO TOTALE, altro che rigoroso riserbo..., non hanno e sanno che dire

      Elimina
  35. per le tensioni elettriche scaricate in quel di Ravenna penso che se il silenzio radio durerà ancora a lungo qualcuno porterà la questione in tribunale.

    RispondiElimina
  36. Ho visto che il presidente continua a tessere rapporti con il mediooriente.
    Ma non potrebbero prendersi tutti quanti un anno sabatico per farsi una vacanza da quelle parti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché un anno sabatico? Per alcuni ogni giorno è vacanza!

      iihihhhihihihihihihiihihiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

      Elimina
    2. Io proporrei un quadriennio sabatico

      Elimina
  37. Seconno le statistiche d'adesso risurta che te tocca un pollo all'anno: e, se nun entra nelle spese tue, t'entra ne la statistica lo stesso perch'è c'è un antro che ne magna due.

    Trilussa il moderatore

    RispondiElimina
  38. “Cosa ti manca della Sicilia?”
    “U scrusciu ri picciuli.” ( trad. "il tintinnìo del denaro")

    (Andrea Camilleri revisited)

    RispondiElimina
  39. Mo tutte quante state a dì "Giuda traditore", "Giuda traditore". Cioè s'anna conosce prima e' fatt, eh? Giuda avrà avuto una ragione per fare na' cosa del genere, no?
    − Eh no! Per soldi.
    − Eh, per soldi, e non è una ragione, scusa? Basta che 'o facevano nascere ricco e già s'evitava tutta st'ammuina, sta cosa... l'uccisione, 'o tradimento... cioè pecche quando uno non conosce la gente nun me piace giudica, capito?... Pecche mette che tu n’ha bisogno proprio. A un certo punto, ‘sti trenta denari quanto potevano essere? Mettiamo due trecentomilalire quattrocento ca ne so, però quello avrà messo a posto le cose sue pecche mette per esempio che va a casa e ‘a mugliera ogni volta... Giuda tu devi andare a lavorare, Giuda ‘u padrone di casa, a luce, l’acqua - per dire - ‘u telefono... A un certo punto quello, tutte ‘ste cose! [...] s’è visto ‘sti trenta denari in mano e ha detto “ma chemmene importa... mo’ metto a posto ‘a famiglia.

    RispondiElimina
  40. "Uno dei benefici dell'amicizia è quello di sapere a chi confidare un segreto"

    Alessandro Manzoni

    RispondiElimina
  41. troppo criptismo per i miei gusti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè lei non è siciliano. Dalle nostre parti certi silenzi o frasi pronunciate sommessamente sono più esplicite dei libri aperti. Ognuno, poi, gli può dare il significato che meglio crede ma, le assicuro, che alla fine quasi tutti ci azzeccano.

      Elimina
  42. frase pronunciata sommessamente

    tra moglie e marito non mettere il dito
    eeheheheheheheh

    BIG JIM

    RispondiElimina
  43. Non ci posso fare nulla ma sta storia mi fa andare via di cerebro. Ma non capiscono che prima o poi dovranno tirarlo fuori questo bilancio? Si tratta di soldi pubblici o no? Non sarebbe più opportuno farlo subito ed evitare la tempesta di critiche che gli sta già piovendo addosso piuttosto che dopo per esservi costretti da qualche autorità?
    Siciliani, strana gente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strana gente si. Eppur continuano a votarli

      Elimina
  44. Vorrei,sommessamente,ricordare che è sbagliato fare di tutta l'erba un fascio.Il Presidente Scarso non è tutta la Sicilia e che non è in discussione la politica regionale di promozione sportiva ,bensì le magagne di TUTTO il Consiglio federale.Olimpionici compresi.

    RispondiElimina
  45. Sapete perché nulla cambierà ? Perché realmente nulla sta cambiando. Le società e i loro presidenti sono una cosa...i genitori sfigati che scrivono in questo blog, un’altra. A questi si aggiungono un avvocato e un pensionato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci mancava "Tancredi Falconeri", del Gattopardo, e ora siamo al completo, o quasi, con i personaggi noti.
      Complimenti, bella disamina, soprattutto nuova.
      Ma, nelle more di sapere in quale delle due categorie il nipote del Principe Fabrizio collocherebbe l' "avvocato e il pensionato", io mi permetto di aggiungere una terza: quella degli anonimi "servi, pavidi ed imbecilli", ove di certo Tancredi non sfigurerebbe.

      Cordialmente.
      Gaspare Fardella

      Elimina
    2. Non so perchè, e magari mi sbaglio clamorosamente, ma lei è uno di quegli elettori, e nel recente passato magari anche sostenitore, che si è iscritto al primo partito nazionale : i delusi.
      Se ha esternato il suo pensiero magari non è ancora di quelli "irriducibili", che pensando di fare chissà quale forte gesto di protesta si rifiuta di votare ancora, chicchessia. Ha scritto perchè in fondo spera che qualcuno le possa riaccendere la fiammella della speranza, brutalmente sopita sotto le ceneri delle illusioni.
      Si palesi, se non qui almeno di persona, e anche senza dirci che è lei che ha scritto questo commento e magari facendo anche finta di non sapere che il blog esista (non si immagina quanti lo fanno), ma ci parli. Provi a conoscerci aldilà di queste righe, almeno conoscerà le persone, è chissà che non le possa tornare la voglia di votare nuovamente.

      Elimina
  46. https://www.youtube.com/watch?v=E7RezfEMF7c

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha, genialeeee! Questo qui è il miglior documentario che si poteva postare sul blog per inviare messaggi molto poco subliminali!
      Candido questo commento al premio oscar per:
      migliore regia
      migliore sceneggiatura originale
      migliori attori protagonisti
      migliore attore non protagonista
      migliore fotografia
      migliore colonna sonora

      PS Anche il titolo del brano musicale "Pizzini" è azzeccatissimo
      ahhahhahahhahhahahhha
      BRAVI!

      Elimina
    2. Ma chi sarebbe questo attore non protagonista? A saperlo....

      Elimina
  47. فيس هو لنا ونحن سوف كسر الحماية الخاص بك
    Asadu-Llah

    RispondiElimina
  48. Minchia pure gli arabi adesso?

    RispondiElimina
  49. Ma i Bucca conoscono la lingua araba?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente scorrerà un po' di sangue arabo nelle loro vene essendo natii di Mazara del Vallo.
      La loro città fu dominata dagli arabi ed ha un impianto urbanistico prettamente arabo. Molto carina tutta, tranne il palazzetto dove organizzano le gare.

      Elimina
  50. I Bucca non saprei ma Scarso probabilmente si.

    RispondiElimina
  51. Cari colleghi ecco la formula di ripartizione del contributo regionale.
    Mediante questa formula ciascun beneficiario potrà agevolmente calcolare la correttezza dell'importo ricevuto.
    ≡e÷2t√56∝f∜%3/43∀(-b±√(b^2-4ac))/2a sin^(-1)⁡tlog_g⁡〖44 gatti〗
    Da questo momento stop alle polemiche.Il caso è chiuso!
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se il caso è chiuso, come tu sostieni, allora occorre la sigla di chiusura
      https://www.youtube.com/watch?v=E7RezfEMF7c

      Elimina
  52. Dai su, alla fine ce la siamo cavata con uno sconto sulla pena...

    RispondiElimina