mercoledì 30 settembre 2015

TROFEO CONI-CONVOCAZIONI E CALENDARIO GARE

Inizia la stagione agonistica 2015/2016 e immediatamente sorgono situazioni degne di nota, peraltro segnalatemi dagli interessai. Tre sono gli argomenti discussi e di cui voglio trattare. Più precisamente: Trofeo a sq. riservato alle categorie del GPG, indetto dal CONI; convocazioni per gli U.20 e calendario gare.
La manifestazione a squadre GPG indetta dal CONI è decisamente nata male, non da questa edizione in corso di svolgimento, ma sino dalla sua nascita. Appare evidente che il collegamento tra chi vuole organizzare questa manifestazione per il CONI e le Federazioni sportive sia carente, quanto meno lo è con quella di scherma. Infatti nella scorsa edizione ben pochi sapevano della sua esistenza, tanto che parteciparono atleti in rappresentanza di alcune regioni senza nessuna qualificazione precedente. Quest'anno la Federazione l'ha ancora presa in considerazione solo a fine stagione quando, pare, ci siano state forti spinte affinché si effettuassero le selezioni regionali, a partire dai primi di maggio. Effettuate con un regolamento che, a detta dei soliti bene informati, sarebbe stato stravolto rispetto alla passata edizione. A tali selezioni, nonostante il "caldo invito" presidenziale, non prenderanno parte alcune regioni importanti. Si arriva all'estate, quando il CONI decide di stravolgere ancora una volta il regolamento: da squadre composte di 4 atleti (3 + riserva) di passa a coppie, ma non solo, in deroga alle regole federali appena emesse si accetteranno anche atleti della categoria "Ragazzi" come "Giovanissimi" e "Cadetti" come "Allievi", in quanto il CONI decide che saranno considerate le categorie di appartenenza al momento della selezione. Ma qui nasce un problema non da poco: se un "Ragazzo" si fa male con l'attrezzatura da "Giovanissimo" che succede? Come non bastasse la giustificazione per tale ribaltone è stata l'eccesso di numeri negli iscritti. Cioè prima di avere le iscrizioni qualcuno sapeva già che sarebbero state troppe, allora invece di trovare un locale più grande, con discutibile decisione, qualcuno ha trovato più comodo ridurre i numeri. Poi però si scopre che per aggiungere qualcuno si è dovuto ricorrere ai ripescaggi, ma allora questa abbondanza dove è stata? Inoltre la Federazione indica una data massima di iscrizione, senza però spiegare quale sia il programma della gara, se non genericamente un venerdì e sabato. Ma quando? venerdì? sabato? mattina? pomeriggio? Evidentemente l’Organo deliberante ritiene che tutti i tesserati siano pensionati e liberi professionisti, i quali, è noto che godendo di una certa autonomia, non hanno problemi a liberarsi quando vogliono, ma gli altri?
Il tema delle convocazioni è da sempre sotto osservazione da parte degli interessati e non si riesce a dargli un minimo di credibilità. Si ha la sensazione che si viva in una situazione senza controllo, per cui ognuno pensa solo al proprio tornaconto. Lasciando sul tavolo solo improbabili, quanto contraddittorie, spiegazioni che ai più sanno di presa in giro che di reali spiegazioni. Considerata la intoccabilità di certi soggetti e del potere che hanno credo sia una perdita di tempo attendersi concrete azioni giustificative del loro operato. Pare, addirittura, che la loro l’arroganza si sia manifestata in occasione di un "like" fuori posto su fb, da parte di un tecnico perché questi si sia giocato la convocazione a un collegiale settembrino della nazionale U20; una esultanza di troppo è invece costata la convocazione ad una atleta, rea più che altro di averla fatta quando in pedana da avversaria c'era una schermitrice dal nome altisonante. Insomma, il reato di "lesa maestà" pare che sia più in voga che mai nel mondo della scherma. Inutile cercare di capire altre convocazioni di atlete basse di ranking a spese di colleghe meglio piazzate, visto che tale classifica sembra sia "fasulla", evidentemente come i risultati di cui è figlia. Però un dubbio sorge, visto che i punti non sono acquisibili facendo la spesa al Carrefour ma a seconda del piazzamento alle competizioni, figlio questo non di un sorteggione fantozziano ma di vittorie e sconfitte che determinano la classifica. Evidentemente queste persone hanno poteri paranormali che noi comuni mortali non possiamo comprendere, tra cui anche l'arte della divinazione, qualità che permette loro di vedere nel futuro e predire grandi carriere ad atleti che le false classifiche dicono invece averne ben poche. Dovrebbero solo convincere anche il destino, notoriamente cinico e baro, a credere a queste loro divinazioni, perché ogni volta la pedana gli da torto. La pedana: l'ultima verità, quella che non ammette chiacchiere.
Il calendario dà l’impressione di essere il solito insieme di favori e piaceri elettorali. Infatti alcune regioni vengono particolarmente favorite. Dall’assegnazione delle sedi pare che il Veneto sia diventata la culla della scherma al nord Italia e non me ne vogliano gli amici veneti, la regione sicuramente lo merita, ma non si può non costatarlo. Insomma a fare la parte dei leoni sono stati alcuni dirigenti in carica che hanno visto le loro regioni abbondantemente premiate. Naturalmente non potevano mancare anche le trasferte notoriamente più scomode (e costose) al Sud ed al profondo Sud.
Ezio RINALDI

 

domenica 27 settembre 2015

FESTA,INCONTRO E COMUNICAZIONE



C'era un comico che fece fortuna dicendo ossessivamente:  “parlamm' e nun ci capimm” (parliamo e non ci capiamo), e così pare che accada nella strategia comunicativa della federscherma. Nei giorni 12 e 13 settembre 2015 si è svolta nel salone di Palazzo Gotico a Piacenza la Festa della scherma, un grande avvenimento annuale in cui si premiano atleti, società maestri ecc., e, come si apprende dal sito federale, si è avuto anche l’incontro tra il Consiglio Federale ed i rappresentanti dei club schermistici italiani. Non so se chiamarlo incontro o assemblea, visto che erano invitate a partecipare tutte le società italiane: il fatto è che non tutti gli affiliati erano a conoscenza di tale invito. Il Presidente ha, quindi, presenziato una platea numericamente al di sotto delle aspettative: presenti erano le società coinvolte nelle varie premiazioni e menzioni, ma tutte le altre sono rimaste a casa loro.

Certo sarebbe bello leggere il verbale di quel consesso, se mai ne sia stato redatto uno. L’incontro, credo sia più corretto chiamarlo così, tenutosi nell’ambito di una festa è stato poco pubblicizzato, infatti per averne notizia bisognava collegarsi al sito federale e viene da chiedersi: “Chi per varie ragioni, indisponibilità di internet, assenza di energia elettrica o in presenza di altri impedimenti, da chi e come avrebbe dovuto apprendere la notizia?”.
Si danno per scontate cose che scontate non sono. Sembrerebbe che il vertice federale, tanto per citare una definizione cara a qualche giornalista, si sia lamentato o abbia posto in evidenza la esigua rappresentanza di società del nord: è stato un messaggio (snobbare il Presidente) o semplicemente una insufficiente comunicazione?
Credo più nella seconda ipotesi. Non basta lanciare un call sul sito per attendersi una larga partecipazione! Nell'era telematica, dei telefonini, dei siti web, della posta elettronica e della posta certificata (PEC), come abbia potuto, la federazione, quella che sbandiera la propria attenzione verso la base, non porre in atto una incisiva azione comunicativa per avere una partecipazione numericamente significativa?
Affinché si potesse attribuire la giusta valenza alla “Festa della Scherma”, dare una adeguata rilevanza all'incontro con il Consiglio Direttivo avrebbe dovuto essere l’obiettivo primario, poiché, ma è solo il mio pensiero, la Base pone più attenzione ad un confronto con il Presidente che non ad un avvenimento, sia pure particolarmente importate, come la “Festa della Scherma”. Credo che al Presidente possa essere sfuggito un meccanismo semplicissimo della buona comunicazione: se sei chiaro la gente capisce.
I contenuti della lunga prolusione del presidente, di quasi due ore di monologo, non sono stati divulgati, ancora, oppure sono reperibili nell'oceanico sito web in cui trovare notizie è più difficile che trovare un ago in un pagliaio.
Ah la chiarezza! Cosa assai utile alla base, contrariamente alla nebulosità, che invece aiuta molto chi gestisce il potere!

Ezio RINALDI

lunedì 21 settembre 2015

STUDENTI E SPORT


http://www.filastrocche.it/wp-content/uploads/2015/09/campioni-bambini-progetti-scuola-550.jpgSi parla sempre più spesso di Sport a scuola e recentemente il Ministro Giannini in un incontro con il Presidente del CONI ha sottolineato l’importanza dell’attività motoria e con essa quella sportiva negli iter formativi di uno studente, affermando che “L’Italia dei campioni nasce anche fra i banchi e lo sport fa bene all’educazione”. Quindi l’obiettivo dovrebbe essere quello di perseguire e sviluppare, tra i giovani, una sempre maggiore consapevolezza dell’importanza dei benefici derivanti dallo svolgimento di attività sportiva e motorio-ricreativa, intesa come strumento di attuazione del diritto alla salute, al completo benessere fisico, psichico e sociale della persona ed alla prevenzione della malattia e delle dipendenze. Conseguentemente più alfabetizzazione motoria a tutti i livelli scolastici e direi anche con un forte rilancio delle gare sportive studentesche.

Sempre più spesso nei vari consessi viene affermato che lo sport ha valori sani e che questi devono diventare dei pilastri nell’educazione dei nostri studenti, fin da piccolissimi. Per raggiungere tale obiettivo bisognerebbe fare in modo che l’alfabetizzazione motoria non sia destinata a pochi fortunati rientranti in progetti ad hoc, ma un diritto di tutti gli studenti a tutti i livelli. Per il perseguimento di tali finalità è necessario che sia assicurato agli studenti il diritto allo studio ed allo sport, evitando di innalzare quella sorta di muro invalicabile che è determinato dall’ostracismo dei docenti verso lo sport, chiedendo agli studenti una assoluta dedizione solo allo studio. L’esperienza mi ha insegnato che lo studente sportivo sia riuscito ad emergere nella vita in generale e nel sociale in particolare.  Sembra che l’Italia sia tra gli ultimi posti in Europa per spesa pubblica destinata allo Sport, e ciò perché manca di una vera cultura che gli consenta di riconoscere l’educazione motoria come vitale fattore di sviluppo della società.

Basta farsi un giro su internet per leggere di numerose iniziative di enti ed associazioni sportive tutte tese a contribuire allo sviluppo dello sport. Appunto, numerose iniziative private e non un progetto unico, magari inserito in una legge dello stato. E tra le iniziative che più mi hanno colpito per la bontà del progetto, peraltro condiviso dalla Federazione Italiana Scherma, vi è quello di FENCING FOR COLLEGE (http://www.fencingforcollege.wordpress.com ), con il quale si persegue l’obiettivo  di fornire agli studenti schermidori il supporto necessario ad ottenere l’ammissione ai college, anche qualora questi non occupino le posizioni di vertice nel ranking nazionale.

Per informazioni, ci si può rivolgere alla dott.ssa Mara Francescutto, Delegata Provinciale FederScherma Cuneo: fencingforcollege@gmail.com

Cell.: +39 393 2838878

Ezio RINALDI

giovedì 17 settembre 2015

AAA. BILANCIO CERCASI


Risultati immagini per DENAROIl Bilancio Sociale è uno strumento straordinario e rappresenta la certificazione di un profilo etico, elemento che legittima il ruolo di un soggetto, non solo in termini strutturali ma soprattutto morali, agli occhi della comunità di riferimento, un momento per enfatizzare il proprio legame con la base, un'occasione per affermare il concetto di una buona amministrazione, cioè un soggetto economico che perseguendo il proprio interesse prevalente contribuisce a migliorare la qualità della vita dei membri della società in cui è inserito. La missione dell’ente e la sua condivisione sono elementi importanti per ottenere il consenso degli associati, siano essi singoli elementi che aziende consorziate, e dell'opinione pubblica.

La visibilità del bilancio sociale di un'associazione o Ente è determinante ai fini di una trasparenza di intenti programmatici e ciò che meraviglia, al di là delle norme che disciplinato la pubblicazione o meno del documento finanziario, è che fino all’anno scorso, sia pure con qualche difficoltà, quello della FIS era rintracciabile sul sito federale, mentre quest’anno pur essendo stato approvato nel mese di maggio, in quel di Riccione, sede della riunione consiliare, sul predetto sito si apprende dell’approvazione del bilancio consuntivo 2014 ma non vi è traccia della sua pubblicazione.
Oggi le norme del CONI non impongono alle federazioni di rendere pubblico il documento in argomento, anzi sono state annullate la assemblee biennali per l’approvazione da parte della base dell’operato finanziario del Consiglio direttivo. Per essere più precisi tale documento non viene più sottoposto all’esame dell’assemblea, quest’ultima si esprime solo sulle linee programmatiche portate a termine. Quindi da parte federale nessuna infrazione o negligenza in tal senso, però c’è uno stato morale da soddisfare ed è quello di far partecipe le società dell’intera attività federale, soprattutto per quanto riguarda le entrate provenienti dagli affiliati e tesserati.
A questo punto mi viene spontaneo chiedermi quali siano le motivazioni che inducono i Dirigenti FIS alla non pubblicazione: devo, forse, pensare che potendolo pubblicare sul blog, dandone quindi la massima divulgazione, i lettori potrebbero trovare validi argomenti di discussione e mettere, in qualche modo, l’attuale dirigenza in difficoltà? No! Non posso e non voglio assolutamente credere a una cosa del genere. Voglio, invece, sperare in una dimenticanza o semplicemente una svista alla quale sicuramente la FIS porrà rimedio.
Ezio RINALDI

martedì 8 settembre 2015

LA LIBERTA' HA UN COSTO


Risultati immagini per prezzo della libertàIn questi ultimi tempi, soprattutto dopo aver pubblicato alcuni articoli riguardanti il Maestro SPERLINGA e la sua Campionessa e l’analisi dei risultati dei mondiali di Mosca, sulla mia persona si è scatenata l’ironia ed il sarcasmo. Per carità nulla da eccepire. Quando si esprimono le proprie opinioni e lo si fa a viso aperto è del tutto normale che ci siano reazioni da parte di chi legge: non me la prendo e non me la prenderò in avvenire per questo. E’ stata però l’occasione per riflettere sulla questione e cercare di fare un po’ di luce sulla mia persona.

Si sono dette tante cose, alcune vere altre false e strumentali: è arrivato il momento di fare un po’ di chiarezza.

Quello attuale è il 30° anno di un impegno nel mondo della scherma che mi vede costantemente in prima linea: prima come dirigente, oggi come blogger.

In tre decenni diverse volte sono stato identificato come colui che è riuscito a restare a galla a dispetto di tutto e di tutti, in altre parole sarei riuscito a cavalcare le onde migliori. Ebbene sono stato e sono un uomo intellettualmente libero e come tale quando non condividevo, ed ancora oggi quando non condivido, presi e prendo strade diverse da quelle nelle quali inizialmente mi ero avviato.

Quando mi affacciai per la prima volta su schermanet e poi ancora su schermaonline fui aspramente rimproverato: in quelle occasioni a criticarmi furono i miei colleghi del Consiglio, i quali non gradivano il fatto che avessi un contatto con la base, soprattutto quando questa dialogava con me con un nickname. Non mi sono mai nascosto e mi sono sempre assunto le responsabilità delle mie azioni. Sono stato accusato di fare politica con concetti vetusti e mi piacerebbe sapere quali siano i concetti moderni, restare forse attaccati alla poltrona per decenni? Cosa significa fare politica? E cosa è la politica?

Fare politica vuol dire essere abili, furbi ed astuti, in altre parole essere un soggetto dal quale bisogna guardarsi le spalle. Non trovo tra gli aggettivi che definiscono fare politica l’intelligenza; per quanto riguarda la politica la definizione si traduce in scienza del governo. Poi c’è il politicante, il quale, normalmente, è fortemente predisposto al compromesso, dice e non dice, è abile nello sfruttare le varie situazioni a proprio vantaggio e abitualmente è incline più al democratismo che alla democrazia. Egli mente sapendo di mentire, non mantiene la parola data, tende a procrastinare l’assunzione di impegni presi.

Non intendo dare lezioni di italiano a nessuno perché io sono ancora sui banchi scuola, ma nel concetto di fare politica non mi ci ritrovo in quanto non sono né furbo ne astuto né tantomeno abile, con un pizzico di presunzione mi definirei un uomo che sa sfruttare quel minimo di intelligenza che il buon Dio gli ha dato, naturalmente non sono nemmeno una verginella: anche io ho da farmi perdonare diverse cose, ma ho sempre detto quel che penso. Certo, utilizzando una terminologia che non fosse offensiva, quindi avendo rispetto per le persone che ho avuto di fronte.

Di me si sa tutto, sono continuamente monitorato e ben conscio di essere sotto controllo non ho difficoltà ad esternare il mio pensiero. Lo feci con il grande Renzo NOSTINI – allora ero un giovane Presidente di Comitato Regionale – con DI BLASI e l’ho fatto con SCARSO. Tutto ciò non significa che sono sempre stato dalla parte della ragione, tutt’altro, spesso ho sbagliato ma non ho avuto e non ho remore a riconoscere l’errore e quando do la parola la mantengo, anche a costo di pagare oneri salatissimi.

Negli ultimi sette anni, sono stato indicato come il nemico da abbattere e quindi, io sì, strumentalizzato, a fini politici: ho saputo accettare tutto questo con grande serenità.

Ci sono soggetti che in virtù della difesa ad oltranza della piccola prebenda, di una convocazione nel settore GSA, nel settore tecnico, o quale docente a qualche corso, si permettono di fare affermazione del tipo:” quel signore è una brava persona, però è sostenuta da RINALDI ed AUGUGLIARO, quindi non credibile”. Ne prendo atto, ma devo anche rilevare come questi soggetti vivano di piaggeria nei confronti del potere costituito, e quando, occasionalmente, ci incontriamo mi salutino ed abbraccino come un vecchio e caro amico. Faccio finta di niente e sorridendo mi domando: chi, tra me e costoro, ha più credibilità?  Soprattutto quando, tra una critica alle spalle e uno spudorato abbraccio, trovano pure il tempo di chiedermi un favore .... Dicevo dianzi non sono una verginella, però ho il coraggio di essere me stesso con consapevolezza ed orgoglio. Se qualcuno ha voglia di parlarmi schiettamente lo faccia senza remore, avrà sempre tutto il mio rispetto.

Ho un solo rammarico, non essere riuscito a dare tanto quanto ho avuto. Spero che il buon Dio mi dia la possibilità di colmare questa lacuna. Non ho la pretesa di aver chiarito il personaggio RINALDI ma spero di aver fornito elementi di riflessione.

Un caro saluto,

Ezio RINALDI

 

sabato 5 settembre 2015

I MANGIAROTTI NELLA ENCICLOPEDIA ITALIANA


http://4.bp.blogspot.com/-7duDSTI3qsQ/UJEOgojkvZI/AAAAAAAAADU/5x8XBGOnaHg/s200/orsini.jpgMANGIAROTTI, Dario e EdoardoNel maggio 2013 presso l'IGM di Firenze si svolse il Convegno sullo Sport alla Grande Guerra, nel quale l’arch. ORSINI, Presidente della società di scherma Compagnia della Scherma Lombarda fece un dettagliato resoconto della vita militare di Nedo NADI, che riscrisse uno dei capitoli più importanti della storia del grande campione, propugnata dalla moglie Roma FERRALASCO.

In quel frangente, l’ORSINI ebbe il plauso dei molti presenti, fra i quali preme ricordare il Gen. Gianni GOLA, già direttore del Centro Internazionale di Studi sugli Sport Militari e del bravissimo prof. Francesco BONINI, Rettore della Università Lumsa a Roma, il quale fu contattato dal Direttore del Dizionario Biografico degli Italiani Prof. Raffaele ROMANELLI, perché alla ricerca di qualcuno esperto per redigere la voce su Eugenio PINI.

Il BONINI chiese al Presidente della Compagnia della scherma lombarda se fosse disposto a collaborare, egli accettò non senza un certo timore, perché non sapeva dove mettere le mani.

Attese circa 10 mesi prima che il Prof. ROMANELLI gli inviasse una mail, la prima di un dialogo lungo e proficuo. Il Professore chiese che gli venissero segnalati anche altri personaggi celebri della scherma, degni di apparire nel DBI, cosa che ORSINI fece prontamente, benché volesse soltanto personaggi alfabeticamente dalla "P" alla "Zeta". Fra i nomi che ORSINI propose, saltò fuori quello dei due Mangiarotti e ROMANELLI non si lasciò scappare l’occasione per sviluppare una appassionante ricerca sui due personaggi. ORSINI iniziò un lungo lavoro di reperimento delle fonti e di contatto, con Maurizio figlio di Dario e Carola, figlia di Edoardo.

L’attività fu assai gravosa, tanto da scrivere sei volte il profilo di Dario e sette quello di Edoardo, per poi essere assemblati, su richiesta del Direttore del DBI, in una unica voce, arrivando alla faticosa ottava stesura, quella definitiva.

L’elaborato fu terminato alla fine di marzo, e commentato dalla redazione dell'Enciclopedia il 10 agosto, ottenendo un immediato plauso del direttore, il quale così si espresse: “Caro Orsini, La ringrazio dei Mangiarotti, voci molto ricche ed esaurienti.”

Il 2 settembre è stato pubblicato il profilo dei due Campioni, che potete leggere cliccando sul link sottostante.

Il fatto che la più importante Istituzione Culturale del nostro paese si interessi alla Scherma, e lo faccia in maniera seria e con intenzioni di viva ricerca scientifica, non può che renderci orgogliosi.

Spero sia di sprone per quanti vogliano fare delle ricerche su altri personaggi della scherma italiana meritevoli di citazioni. Intanto credo sia doveroso un sentito ringraziamento a Fabrizio ORSINI ed a quanti hanno collaborato per la stesura dell’elaborato, che leggendolo mi ha emozionato e mi fa scrivere: “Viva la Scherma Italiana!”
Ezio RINALDI